Casaluce alle Olimpiadi in Corea

ANCHE UN PEZZO DI COMO ALLE OLIMPIADI INVERNALI
GRAZIE ALLA FONDAZIONE VOLTA E AL COMUNE DI COMO

 

C’è anche un pezzo di Como a PyeongChang, in Corea del Sud, in occasione dei XXIII Giochi Olimpici Invernali appena inaugurati: l’opera Casaluce di Massimo Uberti – esposta nei pressi del Broletto durante la scora edizione di 8208 Lighting Design Festival, promosso da Fondazione Volta e Comune di Como ed acquisita dalla stessa Fondazione – è infatti l’opera guida di “Prospectum”, mostra ospitata in Casa Italia.

Casa italia-09(ⓒrohspace) copy

Dobbiamo essere fieri di quanto la nostra comunità dimostra di saper esprimere – afferma entusiasta il Sindaco di Como Mario Landriscinanon solo per le lodevoli iniziative culturali che trovano spazio e riconoscimento sul nostro territorio, ma per la capacità di saperle portare all’esterno, addirittura in un contesto di rilevanza mondiale come in questo caso. L’esperienza concretizzata attraverso l’esposizione di Casaluce di Massimo Uberti in Corea, in occasione delle Olimpiadi invernali, conferma l’indirizzo che l’amministrazione comunale intende perseguire: superare i confini di un circuito autoreferenziale e aprirsi alle opportunità che il contesto ci offre, grazie alla collaborazione con soggetti pubblici e privati. Ringraziamo la Fondazione Volta per la proficua collaborazione a vantaggio della città.
Gli fa eco Claudia Striato, direttore della Fondazione Volta: “L’ambizione dell’8208 Lighting Design Festival è quella di consolidare i risultati raggiunti nelle due edizioni promosse e crescere ulteriormente, rendendolo sempre più una manifestazione di respiro internazionale. Ricordiamo che tre delle sei installazioni proposte nell’edizione appena conclusa erano state realizzate da artisti stranieri, e, grazie alla collaborazione con il CONI, Casaluce di Massimo Uberti, una delle proposte più apprezzate che abbiamo scelto di acquisire, porta il nostro territorio nel cuore delle Olimpiadi invernali, palcoscenico di grandissimo prestigio.”

Casa Italia, inaugurata il 7 febbraio presso lo Yong Pyong Golf Club di PyeongChang, è la sede della delegazione italiana e dei suoi ospiti e mira a valorizzare l’eccellenza italiana nello sport, nell’arte, nel design e nell’accoglienza.
La mostra “Prospectum” ha l’obiettivo di presentare il nostro Paese attraverso un’invenzione culturale riconosciuta in tutto il mondo: la rappresentazione della prospettiva. Un’idea che ha rivoluzionato il modo di vedere la realtà e di interpretarla, e che a Casa Italia 2018 viene attualizzata e resa moderna da un linguaggio contemporaneo.
Gli artisti coinvolti nel progetto “Prospectum” rappresentano l’eccellenza e l’eclettismo in Italia: “Casaluce” di Massimo Uberti, opera di punta di questa mostra, è il disegno luminoso di una casa ideale, in cui la luce è al centro di un percorso di sottrazione.

Casaluce è l’opera che accoglie i visitatori di Casa Italia – commenta l’artista Massimo Uberti –. Questo sicuramente deve essere motivo di orgoglio non solo per me ma anche per l’8208 Lighting Design Festival, confidando che questo sia solo uno dei primi passi per rafforzare la dimensione internazionale della manifestazione”.
Casaluce sarà esposta a PyeongChang fino al 25 febbraio, quando rientrerà a Como temporaneamente per essere poi proposta in altri scenari internazionali.