Passeggiate creative voltiane

Passeggiate creative voltiane

logo-volta-2-Neg-2500pxl

 

 

Locandina sulle orme

Scarica la brochure della prima passeggiata

Scarica la brochure della seconda passeggiata

Scarica la brochure della terza passeggiata

Scarica la brochure della quarta passeggiata

Scarica la brochure della quinta passeggiata

Scarica la brochure della sesta passeggiata

 

Per ricordare il 190° anniversario della scomparsa del nostro più illustre concittadino, la Fondazione Alessandro Volta organizza una serie di sei passeggiate creative Sulle orme di Volta, già sperimentate con successo lo scorso anno.
Ideati e coordinati da Pietro Berra, giornalista e scrittore, questi percorsi andranno alla scoperta delle connessioni tra paesaggi naturali e intuizioni dell’uomo, con la partecipazione di numerosi “testimoni” che si incontreranno lungo il cammino, espressione del genius loci, ma anche, in alcuni casi, di scrittori e musicisti. Alla realizzazione degli itinerari collaborano diversi tra associazioni e festival, oltre che singoli individui, che hanno contribuito a far crescere Como come punto di riferimento culturale e turistico, perché uno degli intenti di questa iniziativa è quello di mettere in rete luoghi e persone.

Si parte domenica 5 marzo, giorno esatto dell’anniversario della morte dell’inventore della pila, da Camnago Volta. “Nel corso dell’acqua. Infanzia e morte di uno scienziato”, il tema di un percorso ad anello, che parte dall’ultima proprietà detenuta dalla sua famiglia a Camnago, all’inizio dell’ex “via del tram”, l’attuale Passeggiata voltiana, lungo la quale si trovano cascate e corsi d’acqua che favorirono le prime scoperte del Volta bambino (in una fonte rischiò persino di annegare alla ricerca di pagliuzze lucenti). La si percorrerà in tutta la sua lunghezza, accompagnati, oltre che da Pietro Berra, dai volontari de La Città Possibile che con un lavoro ventennale hanno ridato vita a quello che oggi è il fulcro del costituendo Parco della Valle del Cosia, e al ritorno si prenderà la strada in acciottolato che porta alla chiesa di San Francesco in Ravanera, con visita guidata a cura di Franca Ronchetti. Da qui si passa alla villa che Volta riteneva la prediletta tra le dimore familiari, dove si avrà accesso alla corte contadina attigua, per una breve lettura in tema. Dopo aver visitato il mulino Beretta, l’unico ancora esistente dei 9 (uno di proprietà dei Volta) che vi erano in zona, si finirà al vicino mausoleo voltiano, dove sono conservate le spoglie dello scienziato e che verrà illustrato dall’ex ingegnere capo del Comune Clemente Tajana.

 

Le passeggiate proseguiranno una al mese fino a settembre, con pausa in agosto: il 2 aprile si visiterà l’oasi del Bassone, curata dai Wwf e Scout, dove si trova la fattoria dei Volta, per parlare del gas delle plaudi, altra grande scoperta dello scienziato, ma anche dell’attigua linea ferroviaria Como-Milano ideata da suo figlio Zanino e recentemente oggetto di studio da parte dell’associazione Como in Treno; in maggio si farà una passeggiata “Ai bordi della città sulle orme del divo Volta”, in collaborazione con il Festival della Luce e le Primavere de La provincia di Como, seguendo una serie di luoghi, aneddoti e suggestioni che legano lo scienziato alla settima arte, da Villa Olmo al Giardino della Valle di Cernobbio, passando per l’ex cinema Volta, con la partecipazione dell’architetto-scrittore Gianni Biondillo; a giugno, nell’ambito di Parolario, si indagheranno i legami tra Volta e altri tre poeti (lui stesso, infatti, scriveva poesie), ovvero Foscolo, Leopardi e Silvio Pellico, camminando dal giardino del museo Civico fino al parco di Villa del Grumello; a luglio sarà il momento di una “Luna di miele a Gravedona”, come quella che lì trascorse lo scienziato con la moglie Teresa Pellegrini in un un’altra delle case di famiglia (collabora l’associazione Visit Gravedona ed Uniti); infine, a settembre, in occasione del 90° del faro voltiano di San Maurizio, si raggiungerà il medesimo, partendo dalla vera casa (non quella su cui è finita “per disattenzione” la targa commemorativa) in cui lo scienziato fu a balia nel centro storico del “Balcone sulle Alpi”.

Leggi il comunicato stampa dell’iniziativa

 

 

 

Bando concorso Riscopri Volta

Bando concorso Riscopri Volta

Anche quest’anno la Fondazione Alessandro Volta promuove il concorso “Riscopri Alessandro Volt@” – VI edizione Racconta la Fisica in 10 minuti: “Piccolo, piccolo, ma quanto?” indirizzato agli studenti delle Scuole Secondarie di Secondo Grado.
I partecipanti selezionati per la fase finale del Concorso dovranno presentare, singolarmente o in gruppo, un argomento riguardante il comportamento di sistemi al loro livello elementare. La comunicazione orale non dovrà superare i 10 minuti ed essere corredata, se possibile, da una dimostrazione sperimentale. La presentazione avverrà nell’ambito del Workshop OFIS2017 al pomeriggio e si concluderà con la premiazione dei vincitori: saranno assegnati due premi da 1000 e 500 Euro.

L’edizione 2017 del concorso è inserita nell’ambito delle iniziative collaterali legate all’opera “Ettore Majorana. Cronaca di infinite scomparse”, titolo di apertura della Stagione Lirica con recite il 28 e il 30 settembre 2017.
Ciascun vincitore riceverà un biglietto omaggio per assistere allo spettacolo del 30 settembre che andrà in scena presso il Teatro Sociale di Como, mentre a tutti i partecipanti saranno riservati biglietti a prezzo agevolato per i titoli in programma da settembre a maggio 2017.

La scadenza per la presentazione degli argomenti e’ Maggio 2017.

Bando di Concorso 2017

 

Passeggiata voltiana 5 marzo

logo-volta-2-Neg-2500pxl

 

AVVISO IMPORTANTE
A causa del maltempo previsto da venerdì fino a domenica, la passeggiata del 5 marzo “Sulle orme di Volta” è rinviata a sabato 11 marzo, stessi orari (ritrovo alle 14.30 in piazzale don Serafino Pozzetti a Camnago Volta, rientro allo stesso punto intorno alle 18).
Le prenotazioni effettuate per la passeggiata prevista originariamente per domenica 5, saranno valide anche per quella di sabato 11.
Qualora sabato 11 foste impossibilitati a partecipare, vi preghiamo di avvisarci in modo da permettere alle persone in lista di attesa di potersi iscrivere.
Ringraziamo per la collaborazione.

Tutto esaurito per la prima delle sei passeggiate creative “Sulle orme di Volta” promosse dalla Fondazione Alessandro Volta nel 190° della scomparsa dell’inventore della pila.

In appena quattro giorni dall’apertura delle iscrizioni sono stati prenotati tutti i posti disponibili per l’itinerario in programma domenica 5 marzo a Camnago Volta e chi ha fatto, o farà, domanda successivamente è stato, o sarà, messo in lista d’attesa, nel caso vi fossero delle rinunce.

Una conferma del successo di queste iniziative finalizzate ad esplorare le connessioni tra i paesaggi naturali e l’insegno umano, per (ri)scoprire la bellezza che sta intorno a noi.

Per chi si è prenotato, il ritrovo il 5 marzo sarà alle 14.30 in piazzetta Serafino Pozzetti, all’inizio della Passeggiata voltiana (ex linea del tram), che verrà percorsa fino a Solzago accompagnati dai volontari dell’associazione La Città Possibile, da lì si scende dalla stradina in acciottolato che conduce alla chiesetta di San Francesco in Ravanera, oggetto di una visita guidata a cura di Franca Ronchetti, quindi si passerà dalla villa di Volta, per poi visitare l’ultimo dei nove mulini rimasti nella zona, illustrato dal proprietario Giuseppe Muscionico, e infine la tomba dello scienziato, con guida d’eccezione l’ex ingegnere capo del Comune Clemente Tajana. Conduce Pietro Berra, giornalista e scrittore che ha ideato la serie di passeggiate creative, e accompagna l’intero percorso con il suo organetto il musicista Andrea Pizzamiglio.

Inaugurazione targa A.Volta

Inaugurazione targa A.Volta

Santa Giuliana    Fondazione-Alessandro-Volta     Grumello


Sabato 18 febbraio 2017 alle ore 16.30
presso Villa del Grumello si terrà la cerimonia di presentazione della targa alla memoria di Alessandro Volta, che verrà posizionata all’ingresso della Villa che ospita la sede della Fondazione Alessandro Volta.

L’iniziativa è organizzata dall’Accademia delle arti e dei commerci Santa Giuliana Como, in collaborazione con Fondazione Alessandro Volta e Associazione Villa del Grumello, nel giorno dell’anniversario della nascita del nostro più illustre concittadino.

 

 

 

 

 

Giorno della Memoria 2017

Giorno della Memoria 2017


Incontro di  formazione con il prof. Dario Arkel sul tema “La società pedagogica. Dal pesantemente necessario al benevolmente opportuno”
Giovedì 26 gennaio 2017 ore 17.00, Libreria Ubik

arkel

L’Ufficio Scolastico Territoriale di Como e la Fondazione Alessandro Volta promuovono giovedì 26 gennaio alle ore 17.00 presso la libreria Ubik di Como in piazza San Fedele un incontro con il prof. Dario Arkel sul tema “La società pedagogica. Dal pesantemente necessario al benevolmente opportuno”. L’incontro, aperto a tutti, è riconosciuto come formazione per i docenti delle scuole di ogni ordine e grado.

Dario Arkel ripercorre le teorie sociali e pedagogiche moderne che  si incrociano tra il XVIII e il XX secolo e torna inoltre ad occuparsi di Janusz Korczak, con considerazioni inedite che mostrano il grande pedagogista ebreo-polacco quale sostenitore della socialità naturale del bambino.
Dario Arkel è docente di Pedagogia sociale alla Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Genova, consulente tecnico del Tribunale dei minori ed autore di numerose opere, sia scientifiche che letterarie e testi teatrali.

Considerato il numero limitato dei posti disponibili si chiede di registrarsi preventivamente all’indirizzo

http://www.istruzione.como.it/arkel/


Giorno della Memoria 2017
Venerdì 27 gennaio 2017 ore 10.00, Aula magna del Politecnico

27 gennaio manifesto-min

 Il 27 gennaio 1945 le truppe dell’Armata Rossa liberarono il campo di concentramento di Auschwitz. L’arrivo ad Auschwitz svelò al mondo l’atrocità e l’orrore della Shoah, lo sterminio degli ebrei.

Per ricordare quei tragici fatti perpetrati, le persecuzioni, le leggi razziali e la deportazione nei campi subita da milioni di persone dal 2000, l’Italia ha istituito il 27 gennaio “Giorno della Memoria”. A Como si terranno diverse iniziative, tra cui quella di venerdì 27 alle ore 10 presso l’Aula Magna del Politecnico che vedrà la consegna delle Medaglie d’Onore a cittadini deportati o internati e delle Medaglie della Liberazione a partigiani e a combattenti inquadrati nelle Forze Armate.

Gli studenti di Como di sei istituti secondari di secondo grado incontreranno Dario Arkel sulla figura di Janusz Korczak e sul percorso didattico “I bambini del dottor Korczak” , momento coordinato dall’Ufficio scolastico regionale per la Lombardia di Como con il contributo della Fondazione Alessandro Volta.

Giorno della Memoria in Insubria

Giorno della Memoria in Insubria

Anche quest’anno in occasione della celebrazione del Giorno della Memoria, CISL Scuola dei laghi, FLC CGIL e Istituto di Storia Contemporanea “P.Amato Perretta” in collaborazione con Fondazione Volta organizzano un incontro riservato al triennio delle scuole superiori della città e della provincia di Como sul tema “La Shoah nelle testimonianze dei bambini e degli adolescenti”.

L’iniziativa si terrà il  19 GENNAIO 2017  nell’ AULA  MAGNA DELL’ UNIVERSITA’ DELL’INSUBRIA in Via Sant’Abbondio dalle 9 alle 13 e vedrà l’intervento di Elisabetta Lombi (istituto di Storia Contemporanea) “La Shoah nelle testimonianze dei bambini e degli adolescenti” – Il diario di Masha Rolnikaite, a cui seguirà il recital – lettura del Teatro D’Acquadolce “Nutri la Memoria” con Arianna Di Nuzzo e Gabriele Penner accompagnati con musiche dal vivo dai 7 GRANI.


PER L’ISCRIZIONE OCCORRE COMPILARE IL MODULO 
ed inviarlo tramite email  isc-como@isc-como.org  oppure fax 031306970 all’Istituto di Storia contemporanea.

 

 

0001       giornodella-memoria_iscrizioni_2017-001

Claudia Striato nuovo direttore

 

Lo scorso 16 dicembre, in occasione della riunione congiunta tra il Consiglio di Amministrazione e il Comitato Scientifico della Fondazione Alessandro Volta, è stato presentato il nuovo Direttore della Fondazione, Dott.ssa Claudia Striato.

Claudia Striato collabora dal 1997 con Gruppo CLAS, di cui è socio e membro del Consiglio di Amministrazione. Ha maturato un’esperienza consolidata nell’attività di ricerca e consulenza scientifica nella gestione di progetti complessi e nelle tematiche del supporto alla definizione, valutazione, monitoraggio ed assistenza all’attuazione di politiche, programmi e progetti di sviluppo, svolgendo ruoli di coordinamento e di responsabilità e garantendo un supporto metodologico qualificato, supportando e promuovendo processi di innovazione nella Pubblica Amministrazione.

Il Consiglio di Amministrazione è pervenuto alla sua designazione attraverso un bando pubblico di selezione a carattere nazionale, lanciato lo scorso luglio, a cui hanno partecipato circa 20 candidati, provenienti da tutto il territorio nazionale.

La gestione del bando e l’intera procedura di selezione dei candidati è stata affidata  ad una società specializzata milanese – “Quest Executive Srl” – che ha garantito un significativo apporto di competenze e professionalità.

Si conclude – commenta Mauro Frangi, Presidente della Fondazione – un percorso importante e qualificante per la Fondazione. Siamo credo la sola partecipata pubblica del territorio ad avere selezionato con una procedura di evidenza pubblica affidata alla gestione di un operatorio primario specializzato la selezione della propria figura operativa apicale. Il nuovo direttore, che conosce bene il territorio anche grazie agli importanti incarichi operativi ricoperti in passato, sicuramente saprà guidare la struttura operativa della Fondazione nei suoi sviluppi futuri, in coerenza con il Piano Strategico che la Fondazione si è data e che sta progressivamente attuando”.

In occasione della presentazione del nuovo Direttore, il Presidente e tutto il Consiglio della Fondazione, unitamente a Giulio Casati, coordinatore scientifico della Fondazione hanno ringraziato Salvatore Amura per il lavoro svolto nei 18 mesi in cui ha ricoperto l’incarico di Direttore.

Sono personalmente grato a Salvatore Amura – ha concluso Mauro Frangi –  per quanto ha saputo realizzare come Direttore della Fondazione. Ha accettato la mia proposta di ricoprire un ruolo difficile in un Ente appena nato a cui molti guardavano con scetticismo o diffidenza. Lo ha fatto in un contesto segnato in molti passaggi da polemiche a volte gratuite e infondate. Ma, ed è ciò che più conta, lo ha fatto apportando professionalità, creatività e passione, garantendo così alla Fondazione il conseguimento di risultati importanti e assolutamente non scontati al momento della sua nomina. Sono certo che la Fondazione e, più in generale, il nostro territorio potrà contare ancora su di lui nell’ambito di specifiche progettualità”.

Como 22 dicembre 2016

 

Ufficio stampa

Paola Carlotti +39.031301037 +39.3357059871

Prosegue il dibattito su Limen

Prosegue il dibattito su Limen

Prosegue sulle pagine de La Provincia di Como il dibattito sulla permanenza dell’installazione LIMEN, presente in questi giorni a Porta Torre nell’ambito dell’8208 Lighting Design Festival.
“Un sogno possibile per la città di Volta”, come lo ha definito il giornalista Pietro Berra:
http://www.laprovinciadicomo.it/stories/Editoriali/un-sogno-possibile-per-la-citta-di-volta_1212103_11/

LIMEN – Sette luci dal caratteristico raggio luminoso molto definito e puntuale illuminano alcuni specchi collocati a pavimento, creando un gioco di riflessi luminosi in varie direzioni, all’interno della torre. Grazie a degli speciali sensori collocati a pavimento, lo spettatore, passando attraverso la porta, entra all’interno dell’installazione diventandone protagonista.

A ogni luce corrispondono inoltre dei feedback sonori, che sommandosi tra loro producono una colonna sonora sempre nuova ad ogni differente interazione. Il suono della luce è, in questo caso, il suono della fonte energetica che la produce, la mole silenziosa della torre medievale diventa cassa di risonanza dei suoni prelevati dai lampioni della città. Si crea così un dinamico dialogo luminoso e sonoro tra spettatore e installazione. Come in un palcoscenico teatrale la maestosa torre si svela in una luce tutta nuova sopra gli occhi degli spettatori.

 

2

Il premio EPS sull’Europhysics News

La prestigiosa rivista scientifica Europhysics News promossa dall’European Physical Society dedica ampio spazio alla cerimonia di consegna del Premio Europeo per la Fisica EPS- Edison-Volta 2016.

The EPS Edison Volta Prize 2016

The EPS Edison Volta Prize 2016

Il premio è stato assegnato lo scorso 8 ottobre al professor Michel Orrit a Villa del Grumello, sede della Fondazione Alessandro Volta, per le sue ricerche nel campo dell’ottica che gli hanno permesso di osservare per la prima volta una singola molecola.

Le installazioni dell’8208 LDF

Le installazioni dell’8208 LDF

Le installazioni dell’8208 Lighting Design Festival vi aspettano qui!

 

Porta Torre, molo di Viale Geno, Teatro Sociale di Como, Broletto, Piazza San Fedele.

 

Per scoprire tutte le iniziative del Lighting Design Festival visita il sito www.8208.it