Borsa di studio per la fisica ’18

Borsa di studio per la fisica ’18

BORSA DI STUDIO PER LA FISICA 2018 Edison
in memoria di Francesco Somaini

 

Con lo scopo di premiare e incoraggiare gli studi di Fisica in Italia, Edison e la Fondazione Alessandro Volta indicono il Concorso come segue:

La “Borsa Edison” di 10.000,00 euro offerta da Edison verrà assegnata per concorso a quello che, tra i concorrenti, la Commissione Giudicatrice riterrà in senso assoluto il più meritevole, sia per titoli, preparazione scientifica, lavori già svolti e risultati già conseguiti, sia anche per il vantaggio che gli studi, per i quali è richiesta la Borsa, possono portare allo sviluppo della Fisica in Italia.

1. – La borsa è destinata a un giovane ricercatore per un periodo di tirocinio presso una università straniera, allo scopo di condurre ricerca nel campo della fisica, con particolare riguardo ai temi dell’energia.

2. – Al Concorso possono prendere parte singolarmente i cittadini italiani e quelli svizzeri del Canton Ticino.

3. – La domanda e i titoli presentati dai singoli concorrenti, unitamente alla proposta di utilizzo della borsa, dovranno pervenire entro il 23 aprile 2018 a: Fondazione Alessandro Volta, Via per Cernobbio, 11 – Villa del Grumello, 22100 Como oppure all’indirizzo di posta elettronica: mariagiovanna.falasconi@fondazionealessandrovolta.it .

MODULO BORSA 2018

 

0001

Passeggiate creative voltiane

Passeggiate creative voltiane

logo-volta-2-Neg-2500pxl

 

 

Locandina sulle orme

Scarica la brochure della prima passeggiata

Scarica la brochure della seconda passeggiata

Scarica la brochure della terza passeggiata

Scarica la brochure della quarta passeggiata

Scarica la brochure della quinta passeggiata

Scarica la brochure della sesta passeggiata

 

Per ricordare il 190° anniversario della scomparsa del nostro più illustre concittadino, la Fondazione Alessandro Volta organizza una serie di sei passeggiate creative Sulle orme di Volta, già sperimentate con successo lo scorso anno.
Ideati e coordinati da Pietro Berra, giornalista e scrittore, questi percorsi andranno alla scoperta delle connessioni tra paesaggi naturali e intuizioni dell’uomo, con la partecipazione di numerosi “testimoni” che si incontreranno lungo il cammino, espressione del genius loci, ma anche, in alcuni casi, di scrittori e musicisti. Alla realizzazione degli itinerari collaborano diversi tra associazioni e festival, oltre che singoli individui, che hanno contribuito a far crescere Como come punto di riferimento culturale e turistico, perché uno degli intenti di questa iniziativa è quello di mettere in rete luoghi e persone.

Si parte domenica 5 marzo, giorno esatto dell’anniversario della morte dell’inventore della pila, da Camnago Volta. “Nel corso dell’acqua. Infanzia e morte di uno scienziato”, il tema di un percorso ad anello, che parte dall’ultima proprietà detenuta dalla sua famiglia a Camnago, all’inizio dell’ex “via del tram”, l’attuale Passeggiata voltiana, lungo la quale si trovano cascate e corsi d’acqua che favorirono le prime scoperte del Volta bambino (in una fonte rischiò persino di annegare alla ricerca di pagliuzze lucenti). La si percorrerà in tutta la sua lunghezza, accompagnati, oltre che da Pietro Berra, dai volontari de La Città Possibile che con un lavoro ventennale hanno ridato vita a quello che oggi è il fulcro del costituendo Parco della Valle del Cosia, e al ritorno si prenderà la strada in acciottolato che porta alla chiesa di San Francesco in Ravanera, con visita guidata a cura di Franca Ronchetti. Da qui si passa alla villa che Volta riteneva la prediletta tra le dimore familiari, dove si avrà accesso alla corte contadina attigua, per una breve lettura in tema. Dopo aver visitato il mulino Beretta, l’unico ancora esistente dei 9 (uno di proprietà dei Volta) che vi erano in zona, si finirà al vicino mausoleo voltiano, dove sono conservate le spoglie dello scienziato e che verrà illustrato dall’ex ingegnere capo del Comune Clemente Tajana.

 

Le passeggiate proseguiranno una al mese fino a settembre, con pausa in agosto: il 2 aprile si visiterà l’oasi del Bassone, curata dai Wwf e Scout, dove si trova la fattoria dei Volta, per parlare del gas delle plaudi, altra grande scoperta dello scienziato, ma anche dell’attigua linea ferroviaria Como-Milano ideata da suo figlio Zanino e recentemente oggetto di studio da parte dell’associazione Como in Treno; in maggio si farà una passeggiata “Ai bordi della città sulle orme del divo Volta”, in collaborazione con il Festival della Luce e le Primavere de La provincia di Como, seguendo una serie di luoghi, aneddoti e suggestioni che legano lo scienziato alla settima arte, da Villa Olmo al Giardino della Valle di Cernobbio, passando per l’ex cinema Volta, con la partecipazione dell’architetto-scrittore Gianni Biondillo; a giugno, nell’ambito di Parolario, si indagheranno i legami tra Volta e altri tre poeti (lui stesso, infatti, scriveva poesie), ovvero Foscolo, Leopardi e Silvio Pellico, camminando dal giardino del museo Civico fino al parco di Villa del Grumello; a luglio sarà il momento di una “Luna di miele a Gravedona”, come quella che lì trascorse lo scienziato con la moglie Teresa Pellegrini in un un’altra delle case di famiglia (collabora l’associazione Visit Gravedona ed Uniti); infine, a settembre, in occasione del 90° del faro voltiano di San Maurizio, si raggiungerà il medesimo, partendo dalla vera casa (non quella su cui è finita “per disattenzione” la targa commemorativa) in cui lo scienziato fu a balia nel centro storico del “Balcone sulle Alpi”.

Leggi il comunicato stampa dell’iniziativa

 

 

 

Bando selezione del Direttore Generale

La Fondazione Alessandro Volta a seguito della decisione del CDA ha deliberato la predisposizione del bando per la selezione del Direttore Generale.

Il Direttore Generale è una figura inserita nell’organizzazione sociale a cui sono affidate le funzioni di direzione interna, amministrativa o tecnica, con eventuale rilevanza anche esterna per integrare l’attività degli amministratori.

Ha il compito di rendere operative le delibere assunte dall’organo amministrativo e di esercitare ampi poteri decisionali nella gestione, con posizione di preminenza, di direzione e di vigilanza sugli uffici e sulle attività dell’ente.

Il Presidente Mauro Frangi, nel commentare la pubblicazione dichiara ” Abbiamo date seguito all’impegno di dare massima trasparenza e apertura nella scelta della figura del DG, come annunciato sin da luglio 2015.  Il percorso che ha portato all’emanazione del Bando ha visto l’unanime deliberazione dell’intero CdA che ha avuto tempo e modo di condividere il metodo, i contenuti e i criteri di selezione e di scelta. A partire dalla decisione di avvalersi nella stesura del Bando e nella selezione dei candidati delle competenze tecniche di un Ente terzo specializzato. Mi auguro che l’esperienza della Fondazione possa costituire un modello di riferimento anche per tutte le altre partecipate pubbliche del territorio. Sono certo che la strada intrapresa consentirà la selezione di una figura competente ed autorevole, capace di guidare l’operatività della Fondazione  per rispondere alla sfide e alle progettualità individuate dal piano strategico approvato dai Soci.”

La domanda di ammissione alla selezione deve essere presentata, entro il 30 settembre 2016, indirizzata a Quest, società specializzata nella selezione del personale che ha già operato nel nostro territorio per la definizione di analoghe figure di management.

 

Il bando è disponibile sul sito internet http://fondazionealessandrovolta.it/news/

Per le candidature la domanda può essere spedita all’indirizzo mail: quest@legalmail.it

 

 

 

Nuovo sito Festival della Luce

E’ in fase di costruzione il nuovo sito del Festival della Luce, che giungerà quest’anno alla sesta edizione.

Il nuovo sito sarà www.festivaldellaluce.net e sostituisce www.festivaldellaluce.it, oggetto nostro malgrado di appropriazione indebita da parte di ignoti e i cui contenuti su di esso pubblicati non sono in alcun modo responsabilità della Fondazione Volta né dell’Associazione Città della Luce.

 

 

 

Como debutta all’Unesco

Como debutta all’Unesco

COMO DEBUTTA ALL’UNESCO E CELEBRA A PARIGI  LA CREATIVITA’ E L’ARTE DELLA SETA

È un debutto importante quello di mercoledì 13 febbraio a Parigi. Per la prima volta Como entrerà nella sede mondiale dell’UNESCO e promuoverà un evento che presenterà l’unicità, la creatività e l’arte della seta: “The City of Como and its unique traditional knowledge”.

L’evento “The City of Como and its unique traditional knowledge”, promosso dalla Delegazione Permanente Italia UNESCO a Parigi, dalla Camera di Commercio di Como, dal Comune di Como e dal Comitato Promotore “Como e Seta, rappresentato dall’Associazione Amici di Como, la Fondazione Alessandro Volta, l’Ufficio Italiano Seta e l’International Traditional Knowledge Institute, US Chapter (ITKI US) vede tra gli invitati personalità istituzionali locali, nazionali ed internazionali, tra le quali il Vice Direttore Generale dell’UNESCO Xing Qu (Cina)  e gli Ambasciatori UNESCO presenti a Parigi, e si pone l’obiettivo di comunicare e promuovere la più prestigiosa e riconosciuta delle tradizioni del territorio lariano: la lavorazione serica, con i suoi Knowledge Keepers e i nuovi giovani talenti.

L’evento sarà inoltre occasione per anticipare i diversi progetti sui quali la Città di Como vuole impegnarsi nei prossimi anni ed i relativi programmi legati all’Education, Science e Culture, volti al raggiungimento di alcuni tra obiettivi di sviluppo sostenibile 2030 delle Nazioni Unite (UN SDGs 2030).

Leggi il comunicato stampa completo

Vota il nuovo logo Fondazione

LA FONDAZIONE VOLTA RINNOVA LA SUA IMMAGINE

 Fondazione Volta ha deciso di rinnovare la propria immagine corporate e quindi anche il proprio logo, percorso che proseguirà nei prossimi mesi interessando l’immagine coordinata, cartacea e digitale.
La volontà della nuova Presidenza e del CDA è quella di condividere questo percorso, dando a ciascuno la possibilità di contribuire alla scelta.

“Ogni logo deve raffigurare la sintesi e l’identità di quello che rappresenta. Non è solo un virtuosismo grafico, piuttosto l’estensione figurata del mandato statutario, della missione, della visione, in questo caso di Fondazione Volta. Non è cosa semplice progettarlo e deciderlo. Per questo motivo il CDA di Fondazione Volta vuole condividere tale scelta. Il logo dovrebbe rimandare alla figura di Alessandro Volta, alla sua Pila, alla “V” di Volt come potenziale elettrico, all’energia ed alla cultura scientifica …” commenta Luca Levrini, Presidente di Fondazione Volta.

Sul sito www.fondazionevolta.ilbiancospino.info è online il sondaggio.

Chiunque, previa registrazione, può esprimere la propria preferenza.

Si può votare sino alle ore 12 di lunedì 18 febbraio, e ogni utente potrà esprimere la propria scelta per una sola volta.
Al termine del contest, il logo che avrà ricevuto più preferenze sarà sottoposto al CDA per la decisione finale.

Como si illumina di rosa

Como si illumina di rosa

A Como sta per accendersi l’iniziativa l’Italia in Rosa che accomuna le località sedi di tappa del Giro d’Italia: a 102 giorni dall’inizio della 102^ edizione della corsa, ogni città illuminerà di rosa un monumento rappresentativo del proprio territorio.

A Como è stato scelto il Tempio Voltiano, emblema della città di Alessandro Volta.
Martedì 29 gennaio dal tramonto sarà illuminato grazie alla collaborazione tra il Comune e la Fondazione Volta.
Non sarà la sola iniziativa che riguarda la nostra città mentre si prepara a ospitare la tappa della competizione ciclistica nel suo passaggio sul lago più bello del mondo.
Sempre grazie alla collaborazione con la Fondazione Volta, dal Tempio Voltiano partiranno due fasci di luce rosa a formare una V nel primo bacino, diretti uno verso Villa Olmo e uno verso Villa Geno.

A Camerlata la Fontana
 opera di Cattaneo e Radice si illuminerà di rosa grazie al Consorzio Como Turistica.

Immagine

Concessione Patrocinio 2019

Concessione Patrocinio 2019

FAV-logo-v - jpeg

Il Consiglio di Amministrazione della Fondazione Alessandro Volta ha aggiornato i criteri e le tempistiche per la presentazione di richieste per la concessione dei patrocini gratuiti e onerosi ad iniziative e manifestazioni di particolare valore culturale e scientifico promosse da soggetti pubblici e privati, che rientrino nell’ambito degli interessi della Fondazione per come individuati dallo Statuto della stessa.

I Criteri generali di assegnazione del patrocinio sono indicati nel documento CRITERI PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO

La Luce di Volta illumina la Seta

La Luce di Volta illumina la Seta

Immagine coord

 

A Como, La Luce di Volta illumina la Seta

La magia della seta

porta a Como l’Unesco 

 

Il 7 e l’8 dicembre, Como celebra la seta, i suoi artigiani e l’eccellenza del suo design, con l’evento “La luce di Volta illumina la seta – l’arte della lavorazione serica: un simbolo di qualità, prestigio e raffinatezza a livello internazionale di Como” cui protagonisti saranno le Città creative dell’UNESCO e le città coinvolte nel progetto UNESCO The Silk Road

Como – Le “Città Creative” dell”Unesco e le città coinvolte nel progetto Unesco “The Silk Road” incontrano l’arte serica di Como, i suoi artigiani e artisti del design. E

Per celebrare la seta di Como, i suoi artigiani e l’eccellenza del suo design, si è tenuta a Como la manifestazione “La luce di Volta illumina la seta – l’arte della lavorazione serica: un simbolo di qualità, prestigio e raffinatezza a livello internazionale di Como”. I protagonisti dell’evento sono state le “Città creative” dell’Unesco e le città coinvolte nel progetto Unesco “The Silk Road”.

Il programma di due giornate, 7 e 8 dicembre, ha previsto un percorso alla scoperta del patrimonio e della tradizione serica comasca: incontri con Knowledge Keepers del territorio, visite in luoghi in cui la tradizione serica si è sviluppata ed in cui questa si racconta. In particolare, sono state visitate un’azienda tessile del territorio, la Fondazione Ratti e il Museo di Villa Bernasconi, mentre un approfondimento speciale è previsto al Museo della Seta.

Il momento più significativo dell’evento è stato il simposio che si terrà a Villa del Grumello, sabato 8 dicembre, dalle 9 alle 11, dal titolo “La luce di Volta illumina la seta – l’arte della lavorazione serica: un simbolo di qualità, prestigio e raffinatezza a livello internazionale di Como” che ha trattato i temi principali della seta comasca. Como può vantare un network di realtà autorevoli e prestigiose che rendono la città un sistema speciale e unico a livello internazionale per la seta.

 

Leggi il comunicato stampa completo

IMG_7129-min

IMG_7130-minJHSC1569 EKLP8920

Energy Forum 2018

Energy Forum 2018

Venerdì 20 ottobre un’intera giornata per parlare di energia a Villa Erba di Cernobbio.
Torna l’Energy Forum ideato dal Festival della Luce di Como – Fondazione Alessandro Volta in collaborazione con The Adam Smith Society. Si inizia alle 10, saranno una quindicina i relatori che si alterneranno sul palco e durante la tavola rotonda del pomeriggio.

Il mercato dell’energia costituisce oggi una delle principali sfide per l’Europa: giunto alla sua quarta edizione, l’Energy Forum è ormai un punto di riferimento per il mercato energetico italiano. Anche in questa edizione, i relatori e i key note speaker intervengono per delineare il quadro attuale ed impostare gli scenari di un futuro possibile.

Le innovazioni tecnologiche e le diverse esigenze che orientano la domanda hanno prodotto un drastico cambiamento nell’industria energetica. La produzione di energia da fonti rinnovabili e la generazione diffusa sul territorio hanno assunto proporzioni di rilievo, modificando il modello centralizzato che si era consolidato durante il secolo scorso. Inoltre, i fattori climatici hanno comportato una modifica radicale nell’utilizzo di tecnologie tradizionali.

Questi sono gli argomenti di cui si vuole discutere al fine di trovare un equilibrio tra impatto ambientale, sicurezza degli approvvigionamenti ed economicità produttiva, indicando le nuove linee guida per chi sul territorio si trova ad affrontare processi di condivisione complessi e disomogenei.

46196741_1902413689836050_4121664553857581056_n46153912_1902415639835855_5172321796224974848_n46118894_1902415513169201_8836604167356153856_n

Ultima passeggiata voltiana

Ultima passeggiata voltiana

Mognano e Cardina: dall’età dei lumi alla Grande Guerra

ULTIMA PASSEGGIATA “SULLE ORME DI VOLTA 2”

Sabato 13 ottobre, ore 9.30

La seconda edizione del ciclo di passeggiate creative “Sulle orme di Volta” promosso da Fondazione Alessandro Volta in collaborazione con l’associazione Sentiero dei Sogni si conclude sabato 13 ottobre con la passeggiata “Mognano e Cardina: dall’età dei lumi alla Grande Guerra”.

Tutti, o quasi, sanno che Alessandro Volta era presidente del Consiglio comunale di Como quando lo stesso deliberò la costruzione del Teatro Sociale. Pochi, invece, conoscono un altro intervento che il fisico fece nelle vesti di consigliere comunale su un altro tema fondamentale per il capoluogo lariano, la seta. Ai tempi della crisi del 1778, dovuta a una stagione estremamente favorevole per la coltivazione dei gelsi, sventò un tentativo del Comune di Como di accordarsi con due sole aziende e assieme al cognato Lodovico Reina riuscì a far beneficiare del sostegno pubblico tutti gli imprenditori disposti a portare avanti l’attività. Durante la passeggiata si visiterà il territorio, tra Mognano e Cardina, dove si estendevano i possedimenti di Reina (il suo nome è ancora inciso su uno degli archi che fece erigere sulla strada che portava al suo castello). Attorno al laghetto di Cardina si trovano ancora alcuni gelsi superstiti. Finale con visita alle fortificazioni della Linea Cadorna di Cardina e letture di poesie scritte dai soldati semplici durante la Grande Guerra tratte dal libro “Poesie dal fronte” di Pietro Berra. Sarà l’occasione per ricordare la battuta di arresto che la corsa alla modernità, cominciata con l’età dei lumi di cui Volta fu indiscusso protagonista, ebbe quando si trasformò in corsa agli armamenti. Un modo per ricordare anche il centenario della fine della Prima Guerra Mondiale, con la quale terminò anche, drammaticamente, un processo politico che era iniziato proprio all’epoca di Volta con i primi moti risorgimentali.

Il ritrovo è alle 14.00 sul piazzale della chiesa di Quarcino. Narrazione e letture a cura di Pietro Berra, interventi di Mario Molteni (sulla storia del quartiere di Mognano), Emanuele Roncoroni (sulle fortificazioni restaurate della Linea Cadorna), Salvo Bordonaro (sui trenini della Rivarossi) e Vanessa Vaio (sui gelsi e il laghetto di Cardina).

Con la collaborazione di Parrocchia di San Paolo (Sagnino), Associazione nazionale Alpini Gruppo di Monte Olimpino, Società Ortofloricola Comense, ComoinTreno e Associazione Cardina.

L’iscrizione alla passeggiata è gratuita fino a esaurimento posti, è possibile effettuarla a questo link dove si trovano anche tutti i dettagli necessari: https://cardina.eventbrite.it