Conferenza di Ivan Moscati

Conferenza di Ivan Moscati

Nuovo appuntamento per La Fondazione Volta Incontra, il ciclo di conferenze aperto al grande pubblico su scienza, letteratura, arte e musica: lunedì 1 luglio ore 21.00 in Pinacoteca civica a Como si terrà la conferenza “GUIDARE I COMPORTAMENTI ECONOMICI: LE NUOVE APPLICAZIONI DELL’ECONOMIA COMPORTAMENTALE” con il prof. Ivan Moscati dell’Università dell’Insubria.

“Negli ultimi venti anni l’indirizzo di ricerca economica chiamata economia comportamentale ha approfondito lo studio di comportamenti individuali che erano stati trascurati dalla teoria economica più tradizionale, perché considerati comportamenti irrazionali”, afferma il prof. Moscati. “In particolare, gli economisti comportamentali hanno cercato di comprendere come questi comportamenti possano essere guidati in modo da accrescere il benessere degli attori coinvolti. Gli interventi ideati per guidare i comportamenti sono chiamati “nudge”: la conferenza offrirà una panoramica dei principali “nudge”, discutendone anche i possibili limiti.”

Ingresso libero.
In collaborazione con il Comune di Como.

Conferenza di Adrian Raftery

Conferenza di Adrian Raftery

LA FONDAZIONE VOLTA INCONTRA

“I cambiamenti climatici al 2100”

Spiegati da Adrian E. Raftery

 

Prosegue La Fondazione Volta Incontra, il ciclo di conferenze aperto al grande pubblico su scienza, letteratura, arte e musica.

L’appuntamento  sarà il 25 giugno alle 21 in Pinacoteca a Como con Adrian E. Raftery, statistico e sociologo irlandese e americano che parlerà di Proiezione probabilistica delle emissioni di carbonio. Con lui, Fabrizio Ruggeri (CNR-IMATI Milano), organizzatore della scuola The Applied Bayesian Statistics summer school che si terrà dal 24 al 28 giugno a Villa del Grumello, nell’ambito di Lake Como School.

L’incontro si terrà in lingua inglese con traduzione consecutiva. Ingresso libero.
In collaborazione con il Comune di Como.

Il Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico (IPCC) ha pubblicato di recente le proiezioni sui cambiamenti climatici al 2100, fornendo probabili intervalli di aumento della temperatura globale per ciascuno dei quattro possibili scenari per la popolazione, la crescita economica e l’uso di carbonio.” – afferma il prof. Raftery – “Possiamo sviluppare una previsione probabilistica delle emissioni di carbonio fino al 2100, utilizzando una versione specifica per paese dell’identità di Kaya, secondo cui le emissioni di gas climalteranti sono il prodotto di quattro fattori: la popolazione, il Pil pro capite, l’intensità energetica del Pil (cioè il rapporto tra consumi energetici e prodotto interno lordo), e l’intensità carbonica dell’energia (cioè il suo contenuto di carbonio e altre sostanze a effetto serra). Usiamo le proiezioni probabilistiche della popolazione delle Nazioni Unite per tutti i paesi, basate su metodi del nostro gruppo – prosegue Adrian E. Raftery  – e sviluppiamo un modello gerarchico bayesiano congiunto per il PIL pro capite e l’intensità di carbonio nella maggior parte dei paesi. In contrasto con gli scenari basati sull’opinione pubblica, le nostre scoperte sono statisticamente basate sull’uso di dati per il periodo 1960-2010. Scopriamo quindi che il nostro range probabile (intervallo del 90%) per le emissioni cumulative di carbonio fino al 2100 include i due scenari medi dell’IPCC ma non quelli più bassi o più alti”.

Adrian E. Raftery è uno statistico e sociologo irlandese e americano.A partire dal 2009, Raftery ha scritto o è stato coautore di oltre 150 articoli su riviste scientifiche. La sua ricerca si è concentrata sullo sviluppo di nuovi metodi statistici, in particolare per le scienze sociali, ambientali e sanitarie. È stato un leader nello sviluppo di metodi per la selezione del modello bayesiano e la media dei modelli bayesiani e il clustering basato su modelli, nonché l’inferenza da modelli di simulazione al computer. Ha recentemente sviluppato nuovi metodi per previsioni meteorologiche probabilistiche e proiezioni di popolazione probabilistica.

La Fondazione a Parolario

La Fondazione a Parolario

TRA SCIENZA, RELIGIONE E FILOSOFIA

Quattro conversazioni

a cura della Fondazione Alessandro Volta

Nell’ambito della diciannovesima edizione del festival Parolario

La Curiosità

Como, Cernobbio 20 – 29 giugno 2019

Sulla curiosità, tradizionalmente, hanno scritto i filosofi – e i poeti, gli uomini di fede, gli artisti, o i romanzieri. Ma queste riflessioni, oggi, si incrociano e si arricchiscono con quello che le scienze, naturali e sociali, possono dirci sulla curiosità di tutti noi. Tra religione, biologia, neuroscienze cognitive e astronomia, quattro conversazioni per colmeranno le nostre curiosità.

 

20 Giugno 2019, Villa Grumello, ore 18.30

PATRIZIA CARAVEO

“Conquistati dalla luna” Storia di una attrazione senza tempo.

La luna ha affascinato da sempre l’umanità che l’ha visitata prima con l’immaginazione poi con la tecnologia. La corsa allo spazio ci ha entusiasmato e la conquista di 50 anni fa ci ha arricchito di conoscenza e consapevolezza. In futuro però dobbiamo stare attenti a non rovinare la magnifica desolazione descritta dagli astronauti.
Patrizia Caraveo, astrofisica di fama mondiale, dirige l’istituto nazionale di astrofisica (INAF)

Dialoga con Alfredo Tomasetta.

 

24 Giugno 2019, Villa Olmo , ore 18.15

ARNALDO BENINI

“La mente fragile” L’enigma dell’Alzheimer.

E’ una malattia drammatica per i pazienti e i loro famigliari e pericolosa per la sopravvivenza della specie. E’ importante conoscere ciò che si è scoperto finora per avere un rapporto razionale con un pericolo vero. Che non colpisce tutti.
Arnaldo Benini è professore emerito di Neurochirurgia e Neurologia all’Università di Zurigo.

Dialoga con Alfredo Tomasetta.

 

28 Giugno 2019, Villa Olmo, ore 19.30

FAUSTO CARUANA

“Come funzionano le emozioni. Da Darwin alle neuroscienze”

Incontro alla scoperta del mondo delle emozioni: ne conosceremo le origini, le basi neurali, capiremo le ragioni della loro pervasività e del loro inestricabile intreccio con il nostro corpo. Vedremo come riconoscere le emozioni altrui sia un fenomeno esso stesso emozionale e perché le nostre azioni, le nostre decisioni e i nostri ricordi hanno sempre una connotazione emozionale.
Caruana insegna Neuroscienze e svolge attività di ricerca presso l’Università di Parma.

Dialoga con Alfredo Tomasetta.

 

29 Giugno 2019, Villa Olmo, ore 17.00

MAURO BIGLINO E LORENA FORNI

La Bibbia non l’ha mai detto“.

Mauro Biglino, il più noto e controverso studioso della Bibbia e Lorena Forni, un’autorevole professoressa di Filosofia del diritto hanno scritto un libro che demolisce alla base le pretese di influenza dell’etica cattolica sulle leggi dello Stato. Un nuovo dirompente manifesto della laicità e della libertà di pensiero

Dialogano con Alfredo Tomasetta.